ULTIMI ARTICOLI

Concorso “Consapevol…mente” giorno 21 Febbraio ore 9:00 – Enna

05 Mar,2015

 Giorno 21 Febbraio 2015 alle ore 9.00,  in occasione della fase conclusiva di “Consapevol…mente” è stato scelto l’istituto alberghiero “Federico II” di Enna, come sede del concorso (previsto dal progetto), giunto alla sua seconda edizione, che mira a valorizzare i futuri barman dal ” tocco analcolico” che arrivano dalle scuole alberghiere di tutta la Sicilia ad educare al bere consapevole .

Il concorso è finalizzato anche a valorizzare i piatti con prodotti del territorio che permettono di fare di ogni pasto un importante momento di educazione alimentare. In tal senso è fondamentale l’apporto delle scuole per dare forza ad un sistema integrato dove, ristorazione ed educazione alimentare, siano legati alla sostenibilità ambientale, alla promozione della salute e alla valorizzazione dell’economia locale, arrivando così alla filiera corta e cucina a km 0.

CONTINUA A LEGGERE

Palermo, rissa in discoteca: muore ragazzo di 25 anni

 Un ragazzo di 25 anni, Aldo Naro, è morto la scorsa notte in discoteca, al Goa, a Palermo, al culmine di una rissa. Siamo nei pressi del quartiere Zen. E’ successo alle 4. La vittima è un giovane originario di Caltanissetta ma residente a Palermo. Stava festeggiando la laurea in Medicina. All’interno del locale si stava svolgendo una festa di Carnevale.

Il ragazzo è stato soccorso dai sanitari del 118, quando era già in fin di vita. Poi è stato portato al vicino ospedale di Villa Sofia, ma è morto poco dopo. Inutili i parecchi tentativi di rianimarlo. Sarebbe stato colpito a calci e bottigliate. La scazzottata sarebbe scoppiata intorno alle 4. Sulla morte del ragazzo stanno indagando i carabinieri. Ascoltati i primi testimoni. Su tutte le porte e i cancelli della discoteca Goa sono stati posti i cartelli col nastro-sigillo.

Un ragazzo di 25 anni, Aldo Naro, è morto la scorsa notte in discoteca, al Goa, a Palermo, al culmine di una rissa. Siamo nei pressi del quartiere Zen. E’ successo alle 4. La vittima è un giovane originario di Caltanissettama residente a Palermo. Stava festeggiando la laurea in Medicina. All’interno del locale si stava svolgendo una festa di Carnevale.

Il ragazzo è stato soccorso dai sanitari del 118, quando era già in fin di vita. Poi è stato portato al vicino ospedale di Villa  Sofia, ma è morto poco dopo. Inutili i parecchi tentativi di rianimarlo. Sarebbe stato colpito a calci e bottigliate. La scazzottata sarebbe scoppiata intorno alle 4. Sulla morte del ragazzo stanno indagando i carabinieri. Ascoltati i primi testimoni. Su tutte le porte e i cancelli della discoteca Goa sono stati posti i cartelli col nastro-sigillo.

fonte:  siciliainformazione.com

Un ragazzo di 25 anni, Aldo Naro, è morto la scorsa notte in discoteca, al Goa, a Palermo, al culmine di una rissa. Siamo nei pressi del quartiere Zen. E’ successo alle 4. La vittima è un giovane originario di Caltanissettama residente a Palermo. Stava festeggiando la laurea in Medicina. All’interno del locale si stava svolgendo una festa di Carnevale.

Il ragazzo è stato soccorso dai sanitari del 118, quando era già in fin di vita. Poi è stato portato al vicino ospedale di Villa Sofia, ma è morto poco dopo. Inutili i parecchi tentativi di rianimarlo. Sarebbe stato colpito a calci e bottigliate. La scazzottata sarebbe scoppiata intorno alle 4. Sulla morte del ragazzo stanno indagando i carabinieri. Ascoltati i primi testimoni. Su tutte le porte e i cancelli della discoteca Goa sono stati posti i cartelli col nastro-sigillo.

CONTINUA A LEGGERE

Col bicchiere a dieci anni allarme baby alcolisti boom di consumi tra i giovani: intervista a G. Messina

10 Dic,2014  
 Dossier La Repubblica Palermo
 ROMINA MARCECA
Un sondaggio della Regione tra 10 mila studenti delle scuole palermitane Più 7 per cento per le sbornie nelle festicciole o nelle serate in pizzeria
 BAMBINI, a dieci anni, e già con il bicchiere pieno di alcol tra le mani. Le baby sbornie si consumano a casa, in pizzeria o nelle festicciole per adolescenti nei locali del sabato pomeriggio. Il dato shock arriva da uno studio per la presidenza della Regione ultimato dal “Movimento per la difesa del cittadino” che da anni si occupa di analizzare il mondo giovanile.
Il sondaggio rivela che, nel 2014, le ubriacature giovanili sono sempre più diffuse in tenera età. Rispetto agli anni scorsi il sette per cento in più, nella fascia di età tra i 10 e i 12 anni, ammette di fare uso di alcolici. Un aumento esponenziale se si confronta con quello dell’anno scorso, che metteva in luce solo l’uno per cento di bambini che si avvicinavano agli alcolici.
Emulazione? Solitudine? Scarsa informazione? Voglia di evasione? Perché si inizia a bere alcolici in così tenera età? Il test “Brindi…amo alla vita” è stato sottoposto a 10 mila studenti delle scuole primarie e secondarie, tra i 10 e i 16 anni. Le risposte, coperte dall’anonimato, hanno svelato il mondo dei giovanissimi che resta, in parte, sconosciuto soprattutto ai genitori. Si inizia per gioco e per sfida. «Tra questi bambini e adolescenti vige sempre di più — dice il coordinatore regionale del “Movimento per la difesa del cittadino”, Giuseppe Messina — un criterio di emulazione dei messaggi fuorvianti proposti anche dai mezzi di comunicazione. La famiglia, di contro, non è più una protezione. Nel rapporto educazionale manca la rigidità del passato».
Dalle risposte dei ragazzini emerge anche molta solitudine. «Il web li indirizza verso un mondo isolato che sta cominciando a condizionare la loro crescita. Si parla molto attraverso il web, si inviano milioni di sms ma manca la comunicazione reale». E i genitori? «I problemi di ogni giorno spesso non consentono a molti genitori di coltivare i valori. E si abbandonano le esigenze di crescita della famiglia», spiega Giuseppe Messina.
Per acquistare gli alcolici i giovanissimi utilizzano i soldi della paghetta, i regali in denaro dei nonni e i soldi per la merenda a scuola. «Mi chiedo se c’è l’applicazione della legge sulla vendita degli alcolici: un giro di affari che va al di là del buonsenso. Nella scuola continuano le campagne informative ma non ci sono i risultati sperati, se le percentuali continuano a crescere. Chi vigila su questi bambini?», sichiede l’assessore alla pubblica istruzione Barbara Evola.
Come trovare una soluzione? «Innanzitutto c’è bisogno di un intervento repressivo contro chi non rispetta le regole della vendita di alcolici. Ma non basta da solo. Bisogna ricostruire quel contatto generazionale che non c’è più, spia di un malessere profondo», dice l’assessore Evola.
Nel 2013, lo stesso questionario aveva rivelato che il 32 per cento dei maschi e il 24 per cento delle femmine, tra i 12 e 16 anni, occasionalmente beveva alcolici accompagnati anche da una sigaretta. Quest’anno quel dato è aumentato del dieci per cento per le ragazze che, emerge dallo studio, sarebbero più inclini alle sbornie soprattutto in casa, da sole. «Un 8 per cento — spiegano dal movimento siciliano — che preoccupa più di tutti».
«Lo faccio per dimenticarmi », aveva scritto una studentessa di 14 anni l’anno scorso rispondendo al questionario. Uno sfogo che aveva lasciato senza parole gli psicologi. Sono stati loro a individuare la classe della ragazzina e a coinvolgerla in un gruppo di ascolto. Un successo su tante altre storie che purtroppo restano nell’ombra e non approdano a un percorso di recupero. Oggi quella ragazzina è a capo di un altro gruppo di ascolto per coetanei che come lei hanno iniziato a bere giovanissimi.
Ai Sert, nel 2013, si è rivolto un 10 per cento di giovani che si è dichiarato dipendente dall’alcol. «Lo studio effettuato dalla nostra azienda sul fenomeno dell’alcol ha messo in evidenza che si accorciano gli anni del primo approccio, attraverso bevande spesso considerate erroneamente innocue», dice Antonio Candela, il direttore generale dell’Asp.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONTINUA A LEGGERE

“Movimento e difesa del cittadino” e “Consapevol…mente” contribuiscono con le loro indagini a dare una visione più chiara, riguardo il dilagante fenomeno delle dipendenze.

05 Dic,2014 Molti spinelli, un tiro di coca, poche pasticche: i palermitani vanno in cerca di “sballo”

Via Sammartino, piazza Lolli e la circonvallazione: ecco i punti “caldi” dello smercio Analisi sulle acque reflue della città: ogni giorno “fumano” sessanta su mille.

LA REPUBBLICA (sez.PA)

 IL DOSSIER
ROMINA MARCECA
LA PALERMO che si droga tiene in mano lo spinello, sniffa poca coca, si inietta eroina in basse quantità e snobba le pasticche. Lo sballo arriva soprattutto di notte, nelle piazze calde della movida. A Palermo, lo hanno scoperto i carabinieri nell’ultimo blitz, la coca veniva spacciata davanti ai pub e ai bar più frequentati. Uno dei luoghi preferiti era il “Jackass” di via Sammartino, frequentatissimo dai giovani in cerca di sballo a poco prezzo. Ma c’era anche il “Rosso” di piazza Lolli. Il bar “Luxury” di viale Regione siciliana era un altro punto strategico dello smercio. I pusher avevano così tante richieste che avevano ricavato un nascondiglio nel muro esterno del locale, dove lasciavano la cocaina da dividere in dosi. Nelle carte dei militari sono finite anche la discoteca “Sea club” di Terrasini e una delle sedi delle rosticcerie “Ganci”, in via Malaspina.
Ma chi si droga a Palermo? Universitari, impiegati, professionisti. Nel mare magnum dei consumatori c’è anche una fascia di pensionati che sfiora i 65 anni. È uno dei dati che emergono da un recente studio dell’istituto Mario Negri per il dipartimento di Politiche antidroga della presidenza del Consiglio dei ministri. Le fogne di Palermo svelano la passione dei palermitani per la cannabis. Gli studiosi hanno stimato, per quest’anno, in 60 le dosi giornaliere di “erba” consumate in città su un campione di mille abitanti. Il doppio di quelle registrate l’anno scorso (32) e di quelle che mediamente si acquistano a Milano (30).
I numeri sono saltati fuori dall’incrocio degli esami sulle urine che finiscono nelle fogne della città e da alcuni test inviati per posta ai cittadini. In pochi restano legati alla cocaina, poco meno di quattro le dosi richieste sul mercato ogni giorno, nonostante il prezzo si sia abbassato: 90 euro per un grammo. Scivolano in fondo alla classifica l’eroina (due dosi), le anfetamine e l’ecstasy (meno di due dosi).
Allo studio nazionale, che ha preso come riferimento 19 città italiane, a breve si affiancherà un progetto tutto palermitano che l’Asp sta mettendo a punto con la collaborazione dell’ Amia e del Policlinico. E anche in questo caso verranno analizzate le acque reflue.
Ma non sono solo universitari e professionisti gli habitué della cannabis. Con lo spinello tra le dita ci sono anche molti giovanissimi di Palermo: ragazzini fra i 12 e 13 anni. Il loro approccio al “fumo” arriva spesso grazie a dosi regalate a scuola. Un escamotage dei pusher per allargare la platea dei consumatori. Un dato shock che arriva da un altro studio sul campo: quello del Movimento difesa del cittadino, nell’ambito del progetto “Consapevolmente” gestito per la presidenza della Regione. L’ultimo monitoraggio parla di età sempre più basse e di consumi sempre più alti. Rispetto al 2012 c’è un dieci per cento in più di consumatori di marijuana fra i 12 e i 14 anni, mentre nella fascia fra i 14 e i 16 anni si registra il 5 per cento in più di assuntori di cocaina.
Schizza in alto (20 per cento in più rispetto al 2012) il consumo delle pasticche di ultima generazione, che spesso si mandano giù con un bicchiere di superalcolico. Numeri in linea con quelli raccolti dal dipartimento di dipendenze patologiche dell’Asp, diretto da Tommaso Di Marco, che mostra la faccia della città che chiede aiuto per la dipendenza dalle droghe. Alle sedi dei Sert arrivano soprattutto i consumatori di eroina (60 per cento), molto meno i cocainomani (15 per cento) e pochissimi assuntori di cannabis (5 per cento).
Ma davvero la droga si trova solo nelle piazze della movida? Sono gli investigatori a fornire uno spaccato di quanto accade lungo le strade della droga. Non ci sono più i posti convenzionali, come la piazza di Ballarò, la famosa Dallas di Falsomiele o il mercato della Vucciria. Proprio nell’ultima operazione dei carabinieri è emerso che le dosi di hashish si confezionavano e si vendevano in casa. Una delle donne della gang di pusher lasciava la luce del suo appartamento accesa: il segnale che dava il via libera a chi voleva suonare al suo campanello e acquistare una dose per la serata.
I pusher 2.0 si muovono ormai senza limiti geografici, grazie alla Rete. Gli appuntamenti per consegnare la droga adesso si concordano via Internet, sui social network. Poche frasi tra chi compra e chi vende, poi l’incontro fugace nel buio della notte. Il passaggio avviene tra auto e auto, tra scooter e scooter, oppure nei bagni dei locali. Per chi, invece, non vuole muoversi da casa c’è la possibilità di acquistare online soprattutto le droghe sintetiche. Si tratta di siti dove non bisogna registrarsi. Il carico può essere ordinato con una semplice e-mail. Le droghe a domicilio arrivano camuffate da erbe per infusioni o da integratori alimentari. «A quel punto — dice un investigatore della Narcotici — non possiamo far altro che fermarci. Riuscire a intercettare un carico diventa difficile. Ma ci stiamo attrezzando anche per smascherare i pusher di ultima generazione».
CONTINUA A LEGGERE

DATI ISTAT-UNICEF: In Italia oltre il 10% dei ragazzi è obeso (e il 22% in sovrappeso)

21 Nov,2014 di
I bimbi italiani, rispetto ai coetanei europei, sono anche quelli che praticano meno sport in assoluto in tutte le fasce
d’età.
                   alimentazione, cibo, obesità, Sicilia, Vita

ROMA. Le loro merende sono fatte di snack grassi, le loro cene spesso di patatine e bibite gassate. Risultato: anche in l’Italia l’obesità è un’«epidemia» diffusa, in particolare tra i bambini. La quota di adulti italiani sovrappeso ha toccato quota 35,6% per cento nel 2012. Gli obesi sul territorio nazionale invece sono stati oltre 4 milioni 700mila, il 10,4%, più di uno su dieci; in Sicilia il 10,8%. L’Italia, però, occupa uno dei primi posti in Europa nell’indice dell’obesità infantile. Considerando i ragazzi di 13 anni, ad esempio, l’Italia è al quarto posto per numero di bambini in sovrappeso dopo Grecia, Portogallo, Irlanda e Spagna.

Gli ultimi dati del ministero della Salute indicano che il 22,2% dei bambini italiani è risultato in sovrappeso e il 10,6% obeso. Per quanto riguarda le regioni, il dato più allarmante è quello della Campania dove sovrappeso e obesità superano il 27 e il 21 per cento di casi tra i minori. Va meglio in Sicilia anche se resta la sesta regione italiana in cui il tasso di obesità è più diffuso tra i più piccoli, toccando il 13,4 per cento.I bimbi italiani, rispetto ai coetanei europei, sono anche quelli che praticano meno sport in assoluto in tutte le fasce d’età. Il risultato è che tra i 6 e 17 anni il 26,9% è in eccesso di peso, e tra gli 8-9 anni il 10,2% è in condizioni di obesità.

Di riflesso, i medici segnalano i tanti rischi che i chili in più da bambini possono comportare: maggiore rischio di malattie cardiovascolari, diabete, problemi ortopedici, disordini mentali, basso apprendimento a scuola e bassa autostima. Il fenomeno è più concentrato nelle regioni del Mezzogiorno e spesso è collegato con i bassi livelli di istruzione.Tra chi ha i genitori con un titolo di studio medio-alto, la quota di individui con chili in eccesso si ferma al 5 per cento. La percentuale triplica, arrivando a sfiorare il 16%, tra chi ha i genitori con al massimo la licenza elementare.

CONTINUA A LEGGERE

Bloccare il cyberbullismo

15 Nov,2014   In occasione del Safer Internet Day 2009, la Commissione europea ha lanciato un video clip per informare e responsabilizzare gli adolescenti sul bullismo, uno dei rischi che hanno più probabilità di affrontare online. Le ricerche esistenti indicano che il cyberbullismo (essere molestati su siti Internet o tramite SMS) è un rischio che molti giovani affrontano durante la loro fruizione online.

 

http://www.storia.rai.it/articoli/bloccare-il-cyberbullismo/24237/default.aspx

 

CONTINUA A LEGGERE

Cyberbullismo, fenomeno in aumento Il 30% dei ragazzi ne è vittima, ma prevale l’omertà

Il bullismo è una forma di abuso di potere. Il 60 per cento dei bulli rischia, in età adulta, di diventare un delinquente, di avere esperienze carcerarie, e di fare uso di droghe e di alcol. Ma a preoccupare di più, perché in continua crescita, è il fenomeno del cyberbullismo: secondo uno studio presentato a Napoli il 30% dei ragazzi intervistati dichiara di esserne già stato vittima. 

Le nuove tendenze in fatto di bullismo sono emerse nel corso di un incontro a Città della Scienza promosso dal progetto Label, Laboratori su antisocialità, bullismo ed educazione alla legalità nella scuola, organizzato in collaborazione con la Seconda Università di Napoli e l’Osservatorio regionale sul bullismo dell’Ufficio scolastico regionale della Campania. 

Label nasce per volontà dell’Usr della Campania e cerca di offrire strumenti per fronteggiare il bullismo ad insegnanti e personale della scuola. Il fenomeno è trasversale: in tutte le scuole di ogni ordine e grado gli atti di bullismo tra maschi e femmine sono in crescita. Emergono però negli ultimi anni anche nuove forme come il cyberbullying e l’omofobico. 

Dallo studio sul bullismo presentato da Dario Bacchini, professore di Psicologia dello Sviluppo della Sun di Napoli, emergono diversi dati preoccupanti: ”Abbiamo parlato con 4.760 bambini e ragazzi delle scuole regionali delle classi IV elementare, II media, II superiore e V superiore – spiega Bacchini -. Abbiamo posto loro alcune domande per comprendere bene reazioni, stati d’animo, e soprattutto quanti sono gli atti di bullismo nelle nostre scuole. Ed e’ venuto fuori che l’atto di bullismo è un sistematico abuso di potere. I bulli hanno fiancheggiatori, vogliono sottomettere le vittime e quasi sempre ci sono delle modalità di intervento specifiche per maschi e femmine. Un atto di bullismo porta sempre a conseguenze psicologiche sia per le vittime che per prepotenti”. 

Dal rapporto emerge che i bambini e i ragazzi intervistati spesso non raccontano ne’ di essere vittime ne’ di compiere atti di bullismo. Il 19 per cento dei maschi dice di essere stato almeno una o due volte vittima di atti violenti, così come il 23 per cento delle ragazze. Le modalità sono diverse: nella sfera maschile il bullismo si manifesta con la violenza fisica (calci e pugni), l’esclusione dal gruppo è quasi sempre legato a quella femminile. 

”Il dato più allarmante – aggiunge Bacchini – è che il 30% dichiara di essere già stato coinvolto in atti di cyberbullismo. La rete, soprattutto in età di scuola media e superiore, è un’arma dalla quale è difficile difendersi”. ”Questa nuova frontiera del bullismo è a noi veramente poco nota – spiega l’assessore all’Educazione del Comune di Napoli, Annamaria Palmieri -, va studiata e compresa. Ed è anche giusto ricordare che non sempre fenomeni violenti si verificano in contesti disagiati, anzi si verificano più casi proprio nelle classi medio alte. Il ruolo fondamentale lo deve sempre svolgere la famiglia, ma anche la scuola deve saper rispondere”. – See more at: http://www.servizitelevideo.rai.it/televideo/pub/articolo.jsp?id=15668&p=&idmenumain=0#sthash.O93P3lDb.dpuf CONTINUA A LEGGERE

In ospedale per aver bevuto ammoniaca a scuola: angoscia cyberbullismo: “Denunciate subito”

 

Cologno Monzese, 15 novembre 2014 – «Ma è successo qualcosa, stamattina?». Da una parte all’altra del marciapiede, davanti a scuola, la domanda era sempre questa. A rivolgerla agli studenti delle classi medie erano mamme, papà, nonni. Che, dopo la prima campanella, avevano visto arrivare un’ambulanza e un’automedica prima, e due pattuglie dei carabinieri dopo. «Ero qui per caso e ho visto portare via la ragazzina. Con lei c’erano la mamma e la professoressa di fisica», racconta una mamma all’uscita di scuola. Tanti ragazzini sanno perfettamente quello che è accaduto, molti altri no. «Le nostre finestre sono dall’altra parte della strada e non abbiamo visto nulla. Non ci siamo accorti di niente», diceva un gruppo. «Una ragazza di terza ha bevuto l’ammoniaca in bagno ed è stata male”», rispondeva un altro.

Poco dopo l’inizio delle lezioni, una 14enne è stata trovata in bagno dalle compagne di banco, che si erano insospettite a non vederla rientrare in aula. L’hanno così trovata visibilmente pallida e stretta dai crampi. A fatica è riuscita a raccontare di aver ingerito quel liquido, che avrebbe portato da casa in una bottiglia. Allarme partito, la studentessa è stata portata in ospedale a Sesto San Giovanni ed è fuori pericolo. A raccogliere le testimonianze dei compagni, i militari della Tenenza colognese. Che si sono imbattuti in alcune riflessioni degli amici che, forse, potrebbero servire a ricostruire i motivi che hanno portato l’adolescente a quel gesto estremo. Si parla, infatti, di possibile suicidio. E di un presunto episodio di cyberbullismo. Una foto sui social network, postata da un coetaneo, che sarebbe stata presa a insulti.Commenti a sfondo sessuale, hanno riferito ai militari, che ora avranno il compito di verificare la relazione tra i due episodi.

CONTINUA A LEGGERE

Conosciamo il significato di “Chandelier”

25 Ott,2014

‘Chandelier’ è l’ultimo singolo rilasciato da Sia. Il testo della canzone racconta in modo originale (o forse in tono quasi di denuncia) lo sballo che le ragazze più volte provano durante le folli serate di svago, condite il più delle volte da troppi drink consumati (“1,2,3, drink! 1,2,3, drink!”) che portano inevitabilmente le persone ad ubriacarsi. Un testo che dunque porta l’attenzione all’esagerazione di certe serate vissute come se non ci fosse un domani, non a caso la canzone dice proprio:”I’m gonna live like tomorrow doesn’t exist” tradotto con “Vivrò come se domani non esistesse”. La serata e lo svago esagerato portano inevitabilmente al mattino seguente dove ci si rende conto di aver superato ogni limite e alla spensieratezza del giorno precedente subentra la vergogna di ciò che si è fatto:”il sole è alto, sono un disastro, devo uscire adesso, devo scappare da questo, arriva la vergogna.  

chandelier

 

A seguire il testo originale, la traduzione del brano e per finire il video…

 

TESTO

Party girls don’t get hurt
Can’t feel anything, when will I learn
I push it down, push it down

I’m the one “for a good time call”
Phone’s blowin’ up, they’re ringin’ my doorbell
I feel the love, feel the love

1,2,3 1,2,3 drink
1,2,3 1,2,3 drink
1,2,3 1,2,3 drink

Throw em back, till I lose count

I’m gonna swing from the chandelier, from the chandelier
I’m gonna live like tomorrow doesn’t exist
Like it doesn’t exist
I’m gonna fly like a bird through the night, feel my tears as they dry
I’m gonna swing from the chandelier, from the chandelier

And I’m holding on for dear life, won’t look down won’t open my eyes
Keep my glass full until morning light, ‘cause I’m just holding on for tonight
Help me, I’m holding on for dear life, won’t look down won’t open my eyes
Keep my glass full until morning light, ‘cause I’m just holding on for tonight
On for tonight

Sun is up, I’m a mess
Gotta get out now, gotta run from this
Here comes the shame, here comes the shame

1,2,3 1,2,3 drink
1,2,3 1,2,3 drink
1,2,3 1,2,3 drink

Throw em back till I lose count

I’m gonna swing from the chandelier, from the chandelier
I’m gonna live like tomorrow doesn’t exist
Like it doesn’t exist
I’m gonna fly like a bird through the night, feel my tears as they dry
I’m gonna swing from the chandelier, from the chandelier

And I’m holding on for dear life, won’t look down won’t open my eyes
Keep my glass full until morning light, ‘cause I’m just holding on for tonight
Help me, I’m holding on for dear life, won’t look down won’t open my eyes
Keep my glass full until morning light, ‘cause I’m just holding on for tonight
On for tonight

 

 

TRADUZIONE

Le ragazze che fanno festa non si fanno male

non senti niente, quando imparerò
a smetterla, a smetterla

sono l’unica pronta per la chiamata
il telefono sta squillando, mi suonano alla porta
sento l’amore, sento l’amore

1,2,3 1,2,3 bevi
1,2,3 1,2,3 bevi
1,2,3 1,2,3 bevi

Tirali via, finché non perdo il conto

Ondeggerò dal lampadario, dal lampadario
Vivrò come se domani non esistesse
Come se non esistesse
Volerò come un uccello attraverso la notte, sentirò le lacrime che si asciugano
ondeggerò dal lampadario, dal lampadario

Sto aspettando la vita migliore, non abbasserò lo sguardo non aprirò gli occhi
terrò il bicchiere pieno fino al mattino, perché sto solo aspettando stanotte
aiutami, sto aspettando una vita più cara,non abbasserò lo sguardo non aprirò gli occhi
terrò il bicchiere pieno fino al mattino, perché sto solo aspettando stanotte
oh, stanotte

il sole è alto, sono un disastro
devo uscire adesso, devo scappare da questo
arriva la vergogna, arriva la vergogna

1,2,3 1,2,3 bevi
1,2,3 1,2,3 bevi
1,2,3 1,2,3 bevi

Tirali via, finché non perdo il conto

Ondeggerò dal lampadario, dal lampadario
Vivrò come se domani non esistesse
Come se non esistesse
Volerò come un uccello attraverso la notte, sentirò le lacrime che si asciugano
ondeggerò dal lampadario, dal lampadario

Sto aspettando la vita migliore, non abbasserò lo sguardo non aprirò gli occhi
terrò il bicchiere pieno fino al mattino, perché sto solo aspettando stanotte
aiutami, sto aspettando una vita più cara,non abbasserò lo sguardo non aprirò gli occhi
terrò il bicchiere pieno fino al mattino, perché sto solo aspettando stanotte
oh, stanotte

 

CURIOSITA’ SUL VIDEO

Il video della canzone mostra una bambina, che durante tutta la durata della canzone balla dentro ad una casa semi vuota, esibendosi in vere e proprie evoluzioni degne di una ballerina professionista, alternate a volte a movimenti ed espressioni del volto quasi isteriche: quest’ultima cosa però non deve sorprendere, se si pensa appunto a ciò che racconta la canzone, agli stati d’animo delle donne che cambiano in continuazione, fino allo sballo totale in cui non ci si rende neanche più conto del modo in cui si sta ballando e in generale da ciò che si sta facendo. Alla luce di ciò, le espressioni e i movimenti presenti nel video, incarnano perfettamente le parole del testo. Ad ogni modo la performance generale rimane di alto livello e tutto ciò è reso ancora più unico dal fatto che la bambina protagonista del video ha appena 11 anni e nonostante la sua giovane età dunque riesce ad eseguire una performance che sicuramente non passerà inosservata.

Video 1

Video 2

 

CONTINUA A LEGGERE

…dal bicchiere al…nostro corpo.

09 Ott,2014 alcolok                                                 liver CONTINUA A LEGGERE
Pagina 1 di 512345
css.php